Siete utenti di Facebook? Vi divertire a passare tanto tempo su questa pagina? Molto probabilmente si, visto che tantissime persone amano questo “passatempo”. Eppure non sapete, o forse si, che molte volte il social network è stato condannato per aver violato la privacy.

A tal proposito si innalza la voce di Julian Assange, fondatore di Wikileaks, che afferma quanto Facebook possa essere un potente strumento:

Facebook in particolare è la più spaventosa macchina da spionaggio che sia mai stata inventata. Abbiamo il database più dettagliato al mondo a proposito delle persone, delle loro relazioni, dei loro nomi, indirizzi, dei luoghi in cui si trovano, delle comunicazioni che intrattengono con gli altri, dei loro parenti: tutto a disposizione dell’intelligence statunitense.

Chiariamo bene che le parole di Assange non vogliono affermare che il social network venga appositamente usato per questi scopi, ma continua dichiarando:

Tutti dovrebbero rendersi conto che ogni volta che aggiungono un amico su Facebook, stanno facendo un lavoro gratis per le agenzie di intelligence statunitensi e costruendo un database per loro.

Forse adesso vedrete con occhi diversi il vostro profilo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi