Il Napoli, incerottato come non mai, si appresta a combattare una battaglia che potrebbe valere il terzo posto. Mazzarri rinuncia a tanti elementi: Gargano e Zuniga per squalifica, Maggio e Dossena per infortunio. In assenza di esterni di ruolo, il tecnico ha due possibilità tattiche da mettere in scena. La prima prevede un cambio modulo con l’adottamente di una linea difensiva a quattro: Campagnaro, Cannavaro, Britos e Aronica. Dzemaili, Inler e Hamsik a centrocampo col tridente d’attacco composto da Lavezzi, Pandev e Cavani. L’alternativa, invece, lancerebbe Campagnaro e Aronica come esterni, con l’inserimento di Fernandez centrale, supportato da Cannavaro e Britos a formare il terzetto arretrato. In questo modo, uno dei quattro tenori siederebbe in panchina.

Edy Reja non sta messo molto meglio. La Lazio è vittima di tanti infortuni: out Dias, Radu (in forse), Stankevicius, Matuzalem, Lulic, Brocchi e Klose. Spazio in difesa a Biava e Diakitè centrali con Scaloni a destra e Konko a sinistra. A centrocampo Ledesma e Cana subito davanti la linea difensiva. In attacco Hernanes, Mauri e Gonzalez agiranno alle spalle di Rocchi.

Lazio (4-2-3-1): Marchetti; Scaloni, Biava, Diakité, Konko; Ledesma, Cana; Gonzalez, Hernanes, Mauri; Rocchi. In panchina: Bizzarri, Radu, Zauri, Garrido, Candreva, Kozak, Alfaro. Allenatore: Reja

Napoli (4-3-2-1): De Sanctis; Campagnaro, Cannavaro, Britos, Aronica; Dzemaili, Inler, Hamsik; Pandev, Lavezzi; Cavani. In panchina: Colombo, Grava, Fernandez, Fideleff, Dossena, Dezi, Vargas. Allenatore: Mazzarri

Arbitra Paolo Silvio Mazzoleni di Bergamo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi