Napoli, ore 9:13, il duomo gremito di fedeli che pregano e attendono impazienti, ed ecco che lo sventolio del fazzoletto indica l’avvenuta liquefazione del sangue di San Gennaro.

A quanto pare il miracolo frettava ad arrivare; il Cardinale Crescenzio Sepe ha sostenuto di aver visto la liquefazione già all’apertura della teca contenente l’ampolla.

San Gennaro, nonostante le critiche mossegli negli ultimi tempi che lo declassavano a patrono di serie b, ancora una volta ha ascoltato le preghiere dei napoletani e non permetterà che sciagure si abbattano sulla splendida città di Napoli.

Milena Morreale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi