Le Borse Europee aprono in calo a causa della tensione presente sui mercati. Tensione causata dalle paure sul piano di salvataggio della Grecia e da una probabile ristrutturazione del debito in Spagna e Portogallo. Ieri, proprio in Spagna, c’è stato lo sciopero generale. Alla riunione dell’Eurogruppo, il commissario agli affari economini Olli Rehn ha confermato la difficile situazione spagnola. Oggi Madrid presenterà a Copenaghen il piano di tagli per rientrare dal deficit. E il Ministro Spagnolo delle Finanze, Luis De Giundos, si è detto ottimista: “La finanziaria che presenteremo oggi convincerà i mercati”.

Milano è la peggiore tra le Borse ad aprire in ribasso con un -3,3%.
Intanto, le previsioni sono più che pessimistiche: il ministro dello Sviluppo, Corrado Passera, parla di grave recessione per il nostro paese per il 2012. I problemi più gravi risultano essere disoccupazione e stretta del credito.
L’Ocse stima per l’Italia una contrazione del Pil dell’1,6% nel primo trimestre di quest’anno e dello 0,1% nel secondo.

Mentre le Borse Europee attraversano profondi momenti di difficoltà, quelle Asiatiche chiudono il loro miglior trimestre, nonostante le incertezze. Tokyo è riuscita a recuperare dopo le tragedie del terremoto e del nucleare anche se proprio la Tepco, il gestore della centrale di Fukushima, ha accusato il colpo peggiore con un calo del -3,26%.
Male anche per Sony (-2,41%), acquisti su qualche compagnia aerea (All Nippon +2%) e sui gruppi del cemento. In rialzo solo il mercato di Mumbai, che supera il punto percentuale sui dati trimestrali del deficit indiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi