BENVENUTO INASPETTATO.

Inaspettato

 

La finestra spalancata lasciava che il vento scuotesse le tende color lavanda della stanza dalla quale era possibile scorgere gente in cammino verso casa o in lento pellegrinaggio verso luoghi a me estranei ,mentre sullo sfondo macchine policrome  si rincorrevano tra vie strette e labirintiche.
Io,fuori da tutto ciò,all’interno di un piccolo quadrato illuminato dalla timida luce  di una lampada poggiata sullo scrittoio sopra il quale era adagiato il libro le cui pagine, a intervalli regolari, venivano ripetutamente sfogliate dalle invisibili e impetuose mani di quello che un tempo i Greci battezzarono Eolo.
Poi,d’incanto,l’immagine di qualcuno,in un istante ,interrompe il ritmo della monotonia quotidiana, strappandomi  da un presente inconsistente.
Benvenuto Inaspettato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi