Apple… il marketing può coprire le delusioni?

0
71
appleCamupusCupertinoAlto

Ieri è stato il gran giorno del keynote in cui doveva essere presentato il nuovo iPhone 5, o almeno la maggior parte degli utenti così credeva.

Come abbiamo già riportato, la conferenza di ieri ha deluso sotto quest’aspetto.
La notizia dell’iPhone 3GS gratis per gli abbonamenti americani (come da noi preannunciato a giugno) è stata confermata, riuscendo a soddisfare l’utenza.

Un ultimo aspetto atteso dal keynote invece riguardava la presenza di un iPhone “economico” e la notizia è arrivata puntuale… qual’è il mela telefono low cost? Ovviamente sarà la versione precedente, l’iPhone 4.

L’attuale Videofonino versione 4s sarà disponibile nei seguenti tagli:

– 16GB a 199 dollari,
– 32GB a 299 dollari
– 64GB a 399 dollari.

I prezzi riguardano unicamente il mercato USA, mentre quelli italiani saranno disponibili pochi giorni prima dell’ufficiale lancio.

Da notare che sarà da subito disponibile la versione bianca.

Il fatto che il prezzo del nuovo iPhone è lo stesso di quando è stato rilasciata la quarta versione deve far riflettere, poichè la componentistica dell’iPhone 4S è migliore su tutti i fronti, ciò vuol dire che l’iPhone 4 è ormai sulla via del declino e quindi il taglio del prezzo dello della quarta versione verrà sancito dal mercato.

Lo stesso mercato ora s’accinge a “sbranare” letteralmente Apple, poichè ora due sono le considerazioni: un annuncio dell’iPhone 5 avrebbe fatto schizzare alle stelle i titoli Apple, che invece ad ora camminano costantemente sul segno meno (anche se di poco…), e bisogna ora affrontare Samsung, che ha preparato la tanto temuta contromossa: la società coreana, come promesso,  ha richiesto un blocco preliminare delle vendite dell’iPhone 4S in Italia e Francia, per violazione dei brevetti di comunicazione mobile. Se la richiesta venisse accolta, potrebbe essere catastrofica per l’azienda della mela morsicata… di cui potrebbe rimanere solo il torsolo.

Ma fan della Mela, non abbiate paura, si troverà un accordo.

Nelle pagine a seguire troverete ulteriori considerazioni (comodamente selezionabili dal menù)