Napoli-Villarreal 2-0. Ritorno in Europa col botto

0
30
champions_league-468x294

Le squadre sono scese in campo. Convenevoli che mandano in visibilio il popolo napoletano: la musichetta Champions non era mai stata intonata al San Paolo. Il Napoli torna in Europa dopo 21 anni. L’attesa è stata lunga, ma adesso ci siamo. Tutti pronti al fischio d’inizio

Avvio in palla per gli uomini di Mazzarri che sembrano determinati a fare bene. I sottomarini gialli appaiono subito incerti in difesa. La retroguardia spagnola allarga troppo le sue maglie. Gli azzurri possono approfittarne

Grande dormita della linea difensiva iberica: al 15′ del primo tempo Hamsik, tutto solo, riceve da Lavezzi ed incrocia col sinistro. Tempo due giri d’orologio ed il pocho viene atterrato in area. Rigore. Cavani posiziona il pallone sul dischetto ed insacca alle spalle del portiere. Diego Lopez battuto

Napoli-Villarreal 2-0. L’organico partenopeo prova a proteggere il doppio vantaggio. Mazzarri chiede ai suoi esterni di centrocampo di arretrare sulla linea difensiva a turno. Non vuole correre rischi il tecnico di San Vincenzo. Meglio affidarsi alle chiusure di 4 uomini ed arginare le manovre avvolgenti delle punte catalane

Nella parte finale del primo tempo il Napoli è apparso leggermente in affanno. Il Villarreal conta su un paio d’occasioni che avrebbero potuto cambiare faccia alla partita

Squadre negli spogliatoi. Si attende la ripresa

Il secondo tempo ha inizio e non si registrano cambi per le due formazioni. Per i primi dieci minuti il Villarreal pressa forte e mette alle strette gli azzurri. Intorno al 60′ Lavezzi subisce un contrasto finendo a terra dolorante. Spray antifiammatorio per il pocho che poco dopo torna in campo. Al 65′ Hamsik lancia in porta Cavani che sciupa clamorosamente. Nell’impatto el matador va in contrasto con Zapata. Il bomber zoppica vistosamente. La caviglia sembra dargli qualche fastidio di troppo. Al 70′ dentro Pandev per l’uruguayano

Il Villarreal crea qualche pericolo. E’ assedio intorno la porta custodita da De Sanctis. Esce Hamsik, entra Mascara al 79′. Forze fresche per il Napoli che deve tenere questo risultato. Applausi a scena aperta per lo slovacco che ha aperto le marcature con quel delizioso incrocio al volo

Poco fa espulso il preparatore atletico iberico. Fin qui la partita è sembrata correttissima. Mancano 11 minuti alla fine. La stanchezza comincia a farsi sentire. Zapata spinge come non mai, ma il Napoli ci mette una pezza

I tifosi continuano ad incoraggiare i ragazzi. Possesso palla per gli spagnoli che tentano l’assalto per vie orizzontali. Senza successo. Gli azzurri provano ad addormentare la partita

Doppio cambo per gli iberici. Fuori De Guzman e Senna, dentro Perez e Wakaso

Ammonito Pepito Rossi. Il Napoli resta in attacco. Mancano poco meno di 5 minuti (più recupero) alla fine

Gargano combatte su ogni palla. Fuori Lavezzi, dentro Santana. Ovazione per il pocho (l’argentino continua a zoppicare, ma avrebbe preferito non uscire)

Zoppica anche Rossi. Pandev lanciato in porta è in posizione di fuori gioco

Villarreal in zona d’attacco. Corner ribattuto, ma gli spagnoli restano in avanti. Gargano tampona e la palla carambola ancora in angolo

De Sanctis blocca in presa sicura. 4 minuti di recupero

Scorrono i secondi. Poi la musichetta della Champions lascerà il posto a ‘O’ surdato ‘nnammurato’

Ripartenza fulminea di Aronica che accusa un risentimento muscolare. E’ quasi finita, c’è già chi lascia lo stadio per evitare il traffico

Il Napoli ha offerto una prestazione di qualità. Bisognava vincere ed è stato fatto. Mancano 30 secondi

Triplice fischio. Napoli batte Villarreal 2-0.