Napoli, tappa dell’America’s Cup

0
29
americans-cup

La città partenopea ospiterà l’apertura e la chiusura del circuito di World Series della Coppa America di vela. Due importanti tappe che si svolgeranno rispettivamenre dal 7 al 15 aprile 2012 e dall’11 al 19 maggio 2013. Quest’ultima rappresenterà anche l’occasione per determinare i team che a San Francisco si contenderanno la Louis Vuitton Cup.

Questa mattina la presentazione ufficiale si è tenuta al Castel dell’Ovo ed è stato proprio Richard Worth, presidente dell’Acea e organizzatore della competizione, ad illustrare quest’oggi le notizie e i dettagli in merito a queste due tappe napoletane. Ha inoltre espresso il suo apprezzamento nei confronti del capoluogo campano e degli abitanti di Napoli, una città che a parer suo “ si candida ad essere la seconda casa dell’America’s Cup dopo gli Stati Uniti”. E continua, ”Si è fatto un lavoro durissimo per portare questo evento qui. Ora ci sono nove barche a contendersi la vittoria ma altre se ne aggiungeranno e se siamo fortunati creeremo anche un equipaggio napoletano… A Napoli sarà ancora meglio con migliaia di persone che contribuiranno alla riuscita di un evento così speciale e con benefici per tanti”.

Anche il sindaco di Napoli De Magistris ha preso parola in questa importante giornata sostenendo che l’America’s Cup sarà “ una straordinaria occasione di rilancio dell’immagine del nostro territorio e che consentirà sviluppo,turismo e posti di lavoro” .

Saranno le coste antistanti l’area di Bagnoli ad ospitare le competizioni . Il piano di recupero delle funzioni urbanistiche di Bagnoli prevede il ripristino della linea costiera, la bonifica dei fondali e delle spiagge, la realizzazione di un grande parco verde e lo smantellamento di una piattaforma di cemento, utilizzata in passato per l’attracco delle navi, insomma un’operazione di oltre cento milioni di euro da attuare nel minor tempo possibile, ma che allo stesso tempo rappresenta una grande opportunità di sviluppo e rilancio economico della città.

 

Milena Morreale