Il fumo uccide, vuoi vedere? Ecco la nuova campagna shock americana

0
53
canc

Contro il fumo le parole non bastano, servono immagini, immagini forti, estranianti e shockanti. Questo la Food and Drug Administration lo ha capito. Vediamo nel dettaglio cosa propone l’associazione americana.

Ricorderemo tutti le famose diciture che dal 1994 son state rese obbligatorie su tutti i pacchetti di tabacco: ‘Nuoce gravemente alla salute‘, ‘Il fumo uccide‘, oppure ancora ‘Non fumare in gravidanza‘. Ebbene, a poco e niente è servito. C’è chi ormai c’ha fatto l’occhio e chi nemmeno bada alle scritte. Siamo sicuri però che qualche immagine legnosa qua e la non passerebbe inosservata.

Questa è l’idea: fare breccia nei consumatori incalliti, metterli davanti al fatto, far passar loro anche solo la voglia di avere una sigaretta tra le dita.

Funziona un po’ come nel film ‘Arancia Meccanica‘. Il sistema spiattella la verità, e sottoliniamo la Verità, in faccia ai fumatori, bella, nuda e cruda. La campagna shock si premurerà di mostrare, attraverso delle immagini, come il corpo umano venga devastato dagli effetti del fumo: una raffigurazione di una bocca brutalmente deturpata da escoriazioni e denti cascanti di colore giallo pagliarino, un’altra foto ritraente un uomo ‘vivisezionato‘ da sindrome post-operatoria, poi ancora il volto disperato di una donna che ha appena scoperto di essere ammalata di cancro, un fegato in palese stato di patologia avanzata. Ce n’è per tutti i gusti. sq

Il segretario alla salute pubblica degli Stati Uniti, Kathleen Sebelius, s’è detta profondamente soddisfatta: “Le nuove etichette grafiche rappresenteranno la più dura ed efficace campagna contro il fumo nella storia americana. Gli Stati Uniti saranno il 40 esimo paese al mondo ad utilizzare questo tipo di comunicazione nella lotta al fumo. Secondo i centri statunitensi per il controllo delle malattie, sono oltre 8 milioni e mezzo gli americani che soffrono di disturbi causati dall’assunzione di tabacco“.