Napoli: Falsi incidenti, numerosi arresti

0
137
8EF43E48F946C125785412A4AA2C30

Ancor prima che il sole di oggi, mercoledì 29 febbraio, si delineasse all’orizzonte delle province di Napoli e Caserta i carabinieri del Nucleo Investigativo si erano già mobilitati per agire contro la banda che truffava diverse assicurazioni con la complicità di medici e avvocati.

L‘indagine, che è stata coordinata dal Dipartimento Distrettuale Antimafia (Dda) di Napoli, sta portando all’attuazione di molti provvedimenti cautelari nei confronti di soggetti legati ad un’organizzazione specializzata in truffe alle società di assicurazione.

La metodologia della truffa consisteva innanzitutto nell’inventare un sinistro stradale in cui il finto malcapitato accusava gravi lesioni personali e poi, grazie alla complicità di avvocati, titolari di agenzie di pratiche automobilistiche e corrotti, riscuoteva i relativi risarcimenti. Solo le truffe accertate sono più di 70 e hanno portato rimborsi per oltre un milione di euro.

Tra l’altro, nel gruppo criminale indagato è stato individuato anche l’ex cognato del boss Francesco Bidognetti, capo storico del clan riconducibile ai Casalesi.