Roma: getta il figlio di 16 mesi nel Tevere dopo una lite

0
58
Ponte Mazzini

La tragedia si è consumata all’alba di questa mattina. Un pregiudicato di 26 anni ha confessato di avere gettato il figlio nel Tevere questa mattina presto, dopo un litigio con l’ex moglie a casa della zia di quest’ultima. È stata proprio la donna a chiamare i carabinieri durante le discussioni, ma quando questi sono arrivati sul luogo, l’uomo era già andato via con il bimbo.

Alle 6,30 di questa mattina, un testimone lo ha visto camminare sul lungotevere sul Ponte Mazzini, tra la neve, e gettare qualcosa nel fiume. Il testimone, un agente della polizia penitenziaria, si è subito reso conto che il ragazzo stava buttando nel fiume il figlioletto di 16 mesi.
Il 26enne, con precedenti per droga, è stato subito fermato e interrogato dalla squadra mobile. Ed è arrivata la terribile confessione: “l’ho gettato io nel Tevere”.

La madre, naturalmente, è in stato di choc.