Minorenne stuprata dallo spacciatore: tenta il suicidio con l’amica.

0
21
tunisino stupratore

Padova, giardini dell’ Arena: in pieno centro. Due amiche, minorenni di 16 e 17 anni, si sono recate nel parco in cerca di “sballo”. Hanno incontrato un tunisino al quale hanno chiesto della droga e quest’ultimo ha fatto provare loro la merce in una zona nascosta del parco. Le ragazze, prese dagli effetti della sostanza, hanno cominciato a subire palpeggiamenti dal pusher fino a quando una di loro, la più piccola, è stata costretta ad avere un rapporto non protetto col maleintenzionato.

Le ragazze poi, finito l’intontimento, hanno cominciato a realizzare ciò che le era capitato: sopraffatte dallo sconforto e dalla depressione per lo stupro si sono recate, di comune accordo, sulle sponde del vicino fiume Piovengo con l’intenzione di tagliarsi le vene.

Fortunatamente le giovani, prima di compiere il folle gesto, avevano informato un loro amico, annunciandogli anche la loro intenzione di togliersi la vita. Il giovane è stato pronto ad avvisare i militari del Nucleo Radiomobile che, recatisi sul posto, le hanno ritrovate accovacciate, abbracciate e ancora sotto choc. Sui polsi avevano dei vistosi tagli con importanti fuoriuscite di sangue, quindi i carabinieri hanno subito trasmesso l’allarme al 118 che alla fine è riuscito a trasportare le malcapitate al pronto soccorso: sono arrivate in tempo per le cure del caso e sono state dichiarate fuori pericolo.

Le due ragazze sono state interrogate e i carabinieri ricostruendo l’accaduto sono riusciti in breve tempo a scovare e fermare l’extracomunitario. Si tratta di Taher T., 28enne e in Italia senza fissa dimora.

Il tunisino è accusato di violenza sessuale aggravata e spaccio di sostanze stupefacenti ai danni delle due minorenni.