Manifestazione 15 ottobre Roma: arresti e perquisizioni da Digos e Ros

0
77
roma 15ottobre arresti

La Ros e la Digos hanno effettuato una serie di arresti e perquisizioni nell’ambito dell’inchiesta sugli scontri verificatisi a Roma durante la manifestazione del 15 ottobre 2011. Si sono avuti 7 arresti, 6 obblighi di dimora e 14 perquisizioni tra Roma, Teramo, Ancona, Civitanova Marche, Padova e Cosenza.
Le accuse mosse contro questi soggetti riguardano gravi episodi di devastazione, saccheggio e resistenza pluriaggravata a pubblico ufficiale.

Secondo le autorità, tali soggetti avrebbero danneggiato gravemente numerosi istituti bancari, esercizi commerciali, Uffici del Ministero della Difesa, oltre ad avere incendiato numerose autovetture e un blindato dell’Arma dei Carabinieri.
Le indagini di Digos e Ros si sono mosse nella direzione dell’area antagonista e anarchica nazionale, tra cui emergerebbe un nuovo gruppo della provincia di Teramo al cui interno erano inseriti esponenti dell’area antagonista e di azione antifascista Teramo.

Tra gli arrestati figura anche Davide Rossi, ai domiciliari, militante di Azione Antifascista Teramo e primo dei non eletti alle ultime elezioni comunali a Teramo nelle liste di Rifondazione Comunista.