Genova: operai Fincantieri occupano aeroporto. Proteste anche a Palermo

0
36
operai fincantieri_genova

Gli operai della Fincantieri di Genova hanno occupato l’atrio dell’aeroporto questa mattina. Lo scopo è manifestare contro il piano di riorganizzazione del Gruppo. Così facendo, hanno messo a rischio molte partenze, anche se i chek-in sono regolari, come ha spiegato Paolo Sirigu, il direttore generale dello scalo. I varchi, però, non sono accessibili e il nervosismo tra i passeggeri si fa sentire.
Tra i voli che rischiano di saltare, ci sono quello ‘Alitalia per Roma delle 11.25, il volo per Monaco della Lufthansa previsto alle 11.55, l’Alitalia per Trieste delle 13, l’Alitalia per Parigi delle 13.30, il Turkish Airlines per Instanbul delle 13.30 e il British Airways per Londra delle 13.55.

Paolo Sirigu spiega che “lo scalo sta accettando tutti i passeggeri, ma i varchi sono bloccati e temiamo di non riuscire a riempire in tempo gli aerei”. Intanto, sono state messe in moto trattative tra la direzione dell’aeroporto, l’Enac, la Prefettura di Genova e i manifestanti per evitare che i voli saltino. Lo scalo, inoltre, è sorvegliato dalle forze dell’ordine e sono previsti percorsi alternativi per i passeggeri.
Gli operai, però, minacciano di non cedere finchè non sarà loro comunicata una data certa di incontro con il governo.

Ma lo sciopero dei lavoratori di Genova non è l’unico. A manifestare ci sono anche operai del Cantiere navale di Palermo e dell’indotto, sempre contro Fincantieri, che prevede 140 esuberi in due anni.
Ieri 130 dipendenti del gruppo hanno ricevuto dall’aziendale lettere per la cassa integrazione straordinaria a partire dal 2 gennaio fino al 31 dicembre 2013. Questo secondo quanto stabilito dall’accordo firmato a Roma il 21 dicembre dalle segreterie nazionali di Uilm e Fim, ma senza la Fiom, che i lavoratori e i rappresentanti sindacali a livello locale contestano da giorni.