Farmaco acquistato su Ebay: morta ragazza di 28 anni

0
75
teresa sunna

Teresa Sunna, una ragazza di 28 anni, è morta dopo aver ingerito una quantità di sorbitolo presente in un farmaco acquistato tramite Ebay. La ragazza, di Barletta, doveva effettuare una visita medica per rilevare delle intolleranze alimentari e, per prepararsi al test clinico, doveva ingerire questa sostanza dietro la prescrizione del suo medico. Il sorbitolo, in genere, è usato per uso alimentare ed è individuato tecnicamente con la sigla «E420»
Secondo alcune indiscrezioni, la sostanza ingerita era tossica e la Procura di Trani sta effettuando delle indagini. Secondo le testimonianze, la ragazza avrebbe assunto 5g della sostanza, mentre ne bastano solo 1,5 per provocare la morte di una persona. Il procuratore di Trani Carlo Maria Capristo, ha detto che “il  vero problema, quello sul quale ci stiamo impegnando  è di individuare se ci siano state attività di manomissione di questo sorbitolo”.L o stesso Capristo ha reso noto che il sorbitolo è venduto anche all’estero quindi  sono stati  “attivati anche canali internazionali”.

Nel registro degli indagati, con l’accusa di cooperazione in omicidio colposo, sono stati inseriti il medico che aveva in cura la paziente, Mario Donato Pappagallo, il titolare dello studio medico di Barletta in cui doveva essere fatto l’esame, Ruggiero Maria Spinazzola, ed Ettore Cicinelli, l’impiegato che materialmente ha acquistato tramite eBay il “sorbital food grade”. Tutti gli indagati respingono le accuse e sono sotto shock.
Il ministro della Sanità individua due problemi principali da affrontare:  il primo riguarda gli acquisti sul web di farmaci, da cui “sarebbe bene astenersi”; il secondo è quello della dispensazione dei farmaci in un circuito parallelo al Servizio sanitario nazionale.

 

Naturalmente i familiari della vittima sono sconvolti e pretendono chiarezza. Il fratello  ha detto che la situazione è “assurda” e che “mia sorella doveva laurearsi nella specialistica a dicembre, era andata a fare dei semplici test di intolleranza alimentare e invece è morta per questa sostanza che le hanno fatto ingerire”.