Facebook in ufficio? Dai tre ai dieci anni di carcere

0
58

Sembra una marachella di quelle superabili, roba da poco insomma. Invece no, non proprio: girovagare su Facebook in ufficio durante l’orario di lavoro è classificato come reato di peculato, punibile dai tre ai dieci anni di reclusione. Questo è quanto successo a cinque impiegati comunali di Bertinoro, piccolo borgo della provincia di Forlì.

Gli indagati pare facessero uso improprio del social network. Sono scattati subiti gli avvisi di garanzia per abuso di ufficio da parte degli agenti di zona che si son presi la briga di sequestrare i personal computer interessati per metterli a setaccio e dimostrare la colpevolezza degli inquisiti.

Se gli inquirenti dovessero avere ragione dei loro sospetti, per i 5 sarebbero guai seri. Non è la prima volta che si assiste ad un fatto tanto curioso: sotto questa falsariga, era stata pizzicata un’impiegata bancaria di 37 anni, Stephanie Bon, che aveva così commentato sulla sua pagina personale: ‘Il nuovo ad prende quattromila sterline l’ora, io sette. Mi sembra giusto’. Pena? Il licenziamento in tronco e senza preavviso dalla Lloyds Banking Group.