Confessa il fidanzatino della ragazza sgozzata a Putignano

0
61
antonella riotino

Antonio Giannandrea ha confessato di aver ucciso la fidanzatina di 18 anni, Antonella Riotino, 21 enne di Putignano, in provincia di Bari. La ragazza era sparita di casa 3 giorni fa e i genitori ne avevano denunciato la scomparsa ai carabinieri ieri, ma dopo una lunga notte di interrogatorio Giannandrea ha confessato. Antonella è stata uccisa con dei fendenti alla gola, molto probabilmente dopo essere stata strangolata e dopo aver ricevuto molteplici pugni al volto. Infatti, il viso era completamente tumefatto.

La ragazza è stata trovata in una scarpata alla periferia di Putignano proprio grazie all’aiuto di Giannandrea e stesso il ragazzo ha dato elementi di prova ai carabinieri. Infatti, i carabinieri, con i genitori, si sono recati nella sua abitazione e lì hanno trovato abiti sporchi di sangue e il cellulare di Antonella.

Alla base dell’omicidio ci sarebbero motivi sentimentali. Giannandrea, inoltre, aveva da subito cercato di depistare le indagini sfruttando un computer ed il profilo facebook della giovane.