Bergamo: supermercato in provincia emanava scontrini truccati

0
45
finanza bergamo

I Finanzieri del Comando Provinciale di Bergamo sono riusciti a scoprire una frode al fisco effettuata da un supermercato nella provincia della città lombarda. Il metodo utilizzato è molto semplice, ma decisamente efficace. Come sappiamo, ogni cassa prevede specifiche funzioni per la correzione degli errori e sono proprio queste che hanno permesso al personale del supermercato di effettuare la loro frode.
Una volta rilasciato lo scontrino, che sembrava a tutti gli effetti una ricevuta regolare, immediatamente si provvedeva all’annullamento dello stesso. Questa procedura prevede sempre il rilascio di un nuovo scontrino, con l’importo corretto, in sostituzione di quello annullato.

Proprio tramite il codice di annullamento stampato su uno di questi scontrini, esibito da uno dei clienti che usciva dal supermercato,  i Finanzieri sono riusciti a scoprire la truffa.
I due proprietari del supermercato hanno evaso 530mila euro di ricavi e trattenuto per sé l’Iva pagata dai clienti per un importo di 42mila euro. Sono stati segnalati all’Agenzia delle Entrate per il recupero di queste somme e per l’applicazione delle sanzioni, tra cui la proposta di sospensione temporanea dell’attività.

Da inizio anno sono state fatte 23 proposte di chiusura temporanea di attività nella provincia di Bergamo.