Crema fritta

0
66
varwwwclientsclient1web2tmpphp9VYtFF

La crema fritta ha fatto parte fino al secolo scorso dei dolci tipici napoletani. Era nota con il nome di “ammacchè” ed è andata nel tempo progressivamente scomparendo. Si tratta proprio della crema, quella tradizionale che utilizzate per fare i dolci! In questo caso però andrà fritta dopo averla fatta precedentemente solidificare. Vediamo come si prepara!

 

Ingredienti:

40 gr di farina per dolci

3 tuorli

500 ml di latte intero

La scorza di un limone medio

40 gr di maizena

100 gr di zucchero

1 baccello di vaniglia

Olio di semi di arachidi q.b.

2 uova

Pangrattato q.b.

Zucchero q.b.

Procedimento:

Preparate la crema.

Ponete il latte sul fuoco (lasciatene metà da parte) in una pentola capiente assieme alla scorza del limone e al baccello di vaniglia intero. Una volta sfiorato il bollore spegnete e lasciate in infusione.

In un recipiente lavorate i tuorli e lo zucchero con una frusta elettrica. Unite metà del latte (che avevate lasciato da parte) a filo mescolando sempre. Successivamente unite a poco a poco la farina e la maizena setacciate.

Unite il composto alla pentola con il latte eliminandovi prima il baccello e la scorza di limone.

Fate riscaldare dolcemente unendo il latte rimasto a filo avendo cura di mescolare sempre per evitare la formazione di grumi.

Una volta che la crema si è addensata spegnete il fuoco.

Adesso prendete una teglia bassa e larga, ricopritela di pellicola trasparente e stendetevi la crema sopra livellandola con una spatola.

Lasciate riposare per due ore a temperatura ambiente e senza coprirla.

La crema si sarà ormai ben raffreddata e solidificata.

Tagliatela a cubetti o losanghe con un coltello lungo.

Passate i cubetti/losanghe prima nel pangrattato, poi nell’uovo sbattuto e ancora nel pangrattato.

Friggete in abbondante olio bollente. Fate raffreddare appena e gustate con una spolverata di zucchero!