“Il panettone ci costerà caro”. Da oggi aumenti su Benzina, Gasolio, Metano e Gpl

0
57
benzina diesel gpl rapina a mano armata

Da oggi cominceranno ad abbattersi gli effetti della manovra Monti “salva-Italia”. Con l’approvazione del decreto legge 6 dicembre 2011 n. 201, pubblicato ieri nel Supplemento n. 251 alla «Gazzetta Ufficiale» n. 284, aumentano da subito le accise sui carburanti:

BENZINA) aumento di 704,20 euro per mille litri;

GASOLIO) aumento di 593,20 euro per mille litri;

GPL) aumento di 267,77 euro per mille chilogrammi (pari a 147,27 euro per mille litri);

METANO) aumento di 0,00331 euro per metro cubo.

Si stima che tali aumenti delle accise, considerando gli effetti moltiplicativi dell’Iva, si tradurranno in un aumento del prezzo al consumo di circa 10 centesimi di euro/litro per la benzina e di circa 13,5 centesimi di euro/litro per il diesel. Da gennaio 2013 è previsto un ulteriore mini-aumento di 50 centesimi ogni mille litri, sia per benzina che per diesel.

“Il panettone ci costerà caro”. Tenendo presente che in Italia la logistica della trasformazione spaziale delle merci è basata in larga parte sul trasporto su gomma è facile prevedere che l’aumento del costo dei carburanti innescherà un inevitabile aumento generalizzato dei prezzi (aumento dell’inflazione). Ci si augura che non peggiorino le già esili prospettive di uscita dalla recessione.

 

trasporti-pubblici

Quando spostarsi su mezzi privati diventa un lusso, la ricetta più efficace è sempre quella tradizionale: più trasporti pubblici, limitare gli spostamenti non necessari e utilizzare automobili a basso consumo.