Quanno

0
23

Quanno…

 

 

Stà scemata è ddedicata

a tutti li poveri cristi, onesti,

che rifiutano de fa li criminali,

pure se ccosì viveno peggio de l’animali!

 

Quanno m’arzo ogni matina,

tutto solo e sconsolato….

chissà pecchè me viè ‘n mente

tutta a ggente che nun fa gniente …

 

Sò ricchi oppure sò delinquenti

li vedi annà ‘ngiro freschi e contenti

coi vestiti da frocioni, pieni d’oro,

tatuaggi, piercing e pendenti…

 

ammazza  che schifo che me fanno,

jo che fatico mille giorni all’anno

e nun riesco a vive coi sordi che me danno,

me li ritrovo sempre fra i  cojoni,

 

ahò, Stellina bbella, mo vengo, si, mo vengo,

faccio st’artra giornata de fatica,

poi torno a ccasa, e che ddio te benedica

quanno pe  ccèna me fai trovà… n’artra fatica;

 

tu ce lo sai che pe mmè

è stata, e sarà sempre quella,

a fatica che me piace de ppiù,

piccola e meravigliosa Stella!